Cos'è 

WE FUTURE?

Progetti in educazione

e cultura urbana

Re-designing spaces & places

We Future

Nasce per promuovere una nuova visione post Covid degli spazi e dei luoghi educativi, culturali e urbani. 

Contattaci

Contatti

Il tuo modulo è stato inviato!

Se desideri contattare We Future, inviaci un messaggio descrivendo la tua richiesta o fornendo il tuo numero di telefono affinché possiamo richiamarti.


In alternativa, contattaci direttamente via WhatsApp al numero +39 334 206 6723.


In entrambi i casi, siamo all'altro capo del filo, desiderosi di aiutarvi.

Cos'é We Future?

ParamitaLab APS in collaborazione con gli Architetti Giovanni Fumagalli e Silvia Galluzzi presenta We Future, Re-designing spaces and places, progetto pensato per realizzare una nuova visione sull'educazione e sugli spazi urbani.

Affianchiamo le scuole e altre realtà educative in questo periodo di transizione e profonda trasformazione, attraverso un team di varie figure professionali, architetti, pedagogisti, educatori, formatori internazionali, per fornire la nostra esperienza pluriennale e la nostra consulenza su due grandi aree, tra loro indissolubilmente collegate: 1- eco-pegagogìa, pedagogia del corpo, e 2- luoghi e spazi urbani, educazione diffusa, creazione di reti sociali.​

Cosa facciamo?

Area 2: Ambienti di apprendimento

Il concetto di ‘ambiente di apprendimento’ si sviluppa all’interno dell’epistemologia costruttivista per enfatizzare un contesto in cui l'apprendimento avviene come un processo attivo e costruttivo, piuttosto che come acquisizione o ricezione di saperi.

Gli ambienti di apprendimento sono dei dispositivi che comprendono tanto spazi e luoghi fisici quanto e soprattutto spazi e luoghi relazionali, emotivo-affettivi e comunicativi, nei quali l’apprendimento si realizza, dove si co-costruisce la conoscenza e ci si educa, all'interno di processi esperienziali multifattoriali. Rappresentano un alfabeto vivente e vibrante con cui si perfeziona il paradigma simbolico dell'azione educativa.

  • Riorganizzazione dello spazio aula, a partire dalle dotazioni esistenti, riqualificandola in qualità di primo ambiente di apprendimento funzionale e dinamico;

​​

  • Apertura, dove possibile, delle aule verso lo spazio distributivo, per aumentarne la superficie utile e per realizzare trasparenze e contaminazioni;

​​

  • Riprogettazione degli spazi distributivi e comuni come luoghi di insegnamento/apprendimento/relazione complementari e alternativi alle aule;

​​

  • Valorizzazione della funzione laboratoriale di alcuni ambienti della scuola, per favorire esperienze manuali, artistico-espressive e tecniche;

​​

  • Riprogettazione di ambiti dello spazio esterno come luoghi per la didattica, aule speciali o laboratori da utilizzare quotidianamente.

Area 1: Educazione, pedagogia del corpo ed ecopegogia

La didattica ecologica è la didattica delle connessioni, aiuta a sostenere le domande, non offre risposte o soluzioni certe o predefinite. E’ una didattica che si presta alla lettura complessa del reale, è un approccio sistemico, è un reticolo in cui si dà valore al ‘warm data’ (cit. Nora Bateson). Le connessioni significative sono quelle tra docente e discente, tra i diversi saperi, tra ambiente naturale e ambiente artificiale, tra visibile e invisibile, tra scuola e città. Con la didattica ecologica si intende promuovere la capacità di “guardare lontano” ma anche di “guardare nel profondo”.

  • Costruzione di una roadmap sul debito emotivo e formativo degli studenti;

​​

  • Progettualità mirate con educatori e formatori in didattica ecologica;

​​

  • Percorsi di case clinic per insegnanti e personale scolastico;

​​

  • Mappatura dei luoghi educativi della città;

​​

  • Esercizi e sperimentazioni di outdoor education.

Educazione e cultura urbana

Andiamo a ideare e a promuovere progetti e iniziative che sviluppino processi dinamici di apprendimento e formazione sensibile all'umano, al concetto di natura e di ecosistema.

 

Offriamo tre incontri di due ore per:

  • esercizi e sperimentazioni di outdoor education e laboratori in spazi all'aperto;

  • laboratori di arti sociali: sul linguaggio e sugli stereotipi di genere; 

  • laboratori per sviluppare vision e sentiment su spazi urbani da rigenerare (piazze, vecchi edifici, giardini, cortili scolastici)​​​

 

Per fare una prenotazione dei servizi di We Future, contatta Federica Giuliani su WhatsApp +39 347 160 7431, o se preferisci, invia una mail a info.eu@paramitalab.com. In questo primo contatto, valuteremo insieme se questa proposta è adatta alle sue esigenze e ai suoi interessi, risponderemo alle sue domande e le forniremo ulteriori informazioni.